LAPINKOIRA

Download
standard lapinkoira.pdf
Documento Adobe Acrobat 64.8 KB

Origini e curiosità
In alcune parti del mondo esistono culture che vedono strettamente intersecata la vita dell'uomo a quella del cane, ad esempio in Lapponia, Paese dalle durissime ed avverse condizioni climatiche.

Proprio in Lapponia i cani hanno reso possibile all'uomo praticare la pastorizia delle renne ed in questo modo vivere in condizioni estreme avendo a disposizione fonti di cibo.

Quando i Lapponi ed i cani si siano incontrati, questo non si sa ... sicuramente da tempo immemorabile. Quello che possiamo affermare è che questi cani così affidabili, indipendenti, senza paura ed in grado di difendersi dai pericoli hanno permesso a questo popolo di sopravvivere a condizioni climatiche proibitive nei secoli .

Ancora oggi cani con queste caratteristiche vengono utilizzati quali insostituibili coadiutori dagli allevatori di renne.

I cani lapponi per la pastorizia delle renne sono di due differenti tipi: il finlandese Lapphund è squadrato, galoppatore e a pelo lungo, mentre il Lapponian Herder è più lungo rispetto alla sua altezza, con un manto corto, trottatore e più grande rispetto al Lappahund.

Il secondo conflitto mondiale ha distrutto gran parte della Lapponia e dei suoi cani, ma un discreto numero sono stati salvati ed i Club Finlandesi continuano a lottare per mantenenre il finlandese Lapphund uguale al tipo raffigurato nei vecchi standard.

Lo standar di razza del Lapphund è stato confermato nel 1975 e rivisto successivamente nel 1982, 1987 e 1999
Non si dovrebbe mai dimenticare che il Lapphund è uno dei prodotti più perfetti della natura: il lavoro pesante e le condizioni di vita austere lo hanno reso  un cane sano, di taglia piccola ed eccellente per tutta la famiglia. Sono cani che fanno di tutto per il proprio padrone, pertanto la loro contentezza ed il loro “sorriso” diventano ancora più evidenti quando agiscono secondo gli ordini e le istruzioni del loro padrone.

Nel 1993 la razza è stata chiamata Suomenlapinkoira, dall'originario nome finlandese Lapphund. Secondo le registrazioni del Kennel Club Finlandese, la razza è tra le prime quindici più favorite in Finlandia e la sua popolarità si basa sulla sua salute, sul carattere, sulla conformazione e sulla varietà di colori del manto.

In Finlandia le linee di allevamento attuali prestano particolare attenzione alla salvaguardia delle proporzioni, alla solidità della struttura scheletrica, alla conformazione del corpo e della testa, nonché alla tessitura del manto che deve essere idoneo ai climi artici.

Oltre al Lapinkoira esiste in Finlandia il Paimensukuinen Lapinkoira: questo ceppo deriva direttamente da famiglie di cani che lavorano negli allevamenti di Renne nel settentione della Finlandia, Norvegia e Svezia

Per preservare questo ceppo nel 1981, in Finlandia è nata un'Associazione di Razza Riconosciuta, denominata Paimensukuisen Lapinkoiran Seura.

Le peculiarità caratteriali sono del tutto simili al Lapinkoira, mentre la struttura del Paimensukuinen Lapinkoira è lunga con una postura bassa, la coda viene tenuta arrotolata o abbassata in base allo stato d'animo e ai movimenti che il cane è in procinto di compiere; gli arti sono ben angolati , tipici di un cane da lavoro ed il loro movimento è agile e veloce. 

Presentano quasi tutti i colori originali: lupo grigio, bianco e nero, tutte le sfumature di nero con la luce e/o focature, tutte le sfumature del marrone chiaro con macchie di luce, fumo, panna, grano, zibellino, blu e tutti i tipi di strisce

Il Lapinkoira e' una razza che trova la sua collocazione ideale come animale domestico di una famiglia attiva: va ricordato che si origina per il lavoro nella pastorizia e per questo motivo i soggetti hanno menti brillanti e necessitano di svolgere attività.

E' una razza molto addestrabile, che può apprendere l'insegnamento ad alti livelli nell'obedience, nell'agility e nella ricerca. Nel Regno Unito  il Lapinkoira Tara funge da cane di supporto per il suo proprietario disabile: carica la lavatrice, raccoglie gli oggetti caduti a terrra, prende e porta i vestiti al padrone, tira indietro le coperte!

Il mantello è pesante, composto da due strati, adatto a sopportare le temperature estreme della nativa Lapponia: in Finlandia è una delle due Razze per cui la legge consente il ricovero all'esterno durante l'inverno, in cui le temperature scendono a meno 30c

Buone ragioni per....scegliere un Lapinkoira
* Sono realmente bellissimi cani, con un super temperamento!
* L'abbondanza dei colori: c'è un colore per tutti i gusti !
* I Finnish Lapphund sono molto intelligenti ed apprendono molto velocemente
* E' una Razza molto sana
* Il loro mantello richiede una facile manutenzione: una buona spazzolata due volte alla settimana è tutto ciò di cui ha bisogno, eccettuato nei periodi di muta in cui occorre intensificare
* La taglia... hanno proprio una giusta dimensione
* Razza amichevole e socievole: vivono felicemente con bambini di ogni età, cani e gatti
* Razza ad alto grado di adattabilità: potrete esporli sui ring, addestrarli all'obedience o all'agility e saranno sempre meravigliosi compagni
* Facili da nutrire: AMANO  IL CIBO!
* Molto amorevoli ed affettuosi : gioiscono ed hanno bisogno della compagnia umana

Buone ragioni per....non scegliere un Lapinkoira 
* Scavano... se siete amanti di un bel prato ed un giardino in ordine, questa potrebbe non essere la Razza per voi... potrebbe masticare le vostre piante, gli alberi o gli arbusti e scavare nei vasi. Sarà necessario rimuovere le piante potenzialmente velenose per i cani dal vostro giardino
* Occorrerà recintare il giardino in modo sicuro: riescono a fuggire attraverso il foro più piccolo, saltano le recinzioni o scavano tunnel!
* Alcuni Lapinkoira amano cacciare: se non amate vedere piccoli animali pelosi o uccelli uccisi ed inghiottiti in un sol boccone, questo cane non fa per voi. Questa predisposizione alla caccia può rendere più difficile l'addestramento al richiamo
* Possono abbaiare ed abbaiare, creando fastidio ai vicini di casa. A tale proposito è indispensabile cominciare precocemente l'addestramento al richiamo
* Ogni persona è loro amico ed hanno l'abitudine di salutare tutti! Anche per prevenire questo atteggiamento è importante iniziare precocemente  l'addestramento di base
* La loro intelligenza può rappresentare uno svantaggio... sono cani che valutano ogni compito che gli viene affidato, decidendo poi se eseguire o no.  Si annoiano facilmente ed hanno bisogno di una gentile ma ferma educazione: generalmente rispondono bene all'addestramento con il Clicker
* Possono tirare forte al guinzaglio: anche se il loro aspetto  è piccolo e soffice, sono delle vere potenze!
* Essendo cani indipendenti dalla forte volontà, sono perfettamente in grado di creare l loro “divertimento”. Possono quindi diventare distruttivi e rumorosi, se non  gli vengono forniti abbastanza stimoli mentali ed esercizio. Hanno bisogno della compagnia umana e quindi risultano inadatti per coloro che sono regolarmente lontani da casa per parecchie ore
* Richiedono tempo ed impegno, soprattutto per i primi due anni : non pensate a questa razza,  se non avete tempo e pazienza da dedicare alla loro formazione e socializzazione
* Amano il cibo... ed amano mangiare di tutto! Occorre monitorare i loro bisogni alimentari e l'esercizio fisico... inoltre non sempre è una buona idea farsi dare un bacio... ricordatevi che mangiano di tutto (anche le lumache!)
* Hanno bisogno di esercizio fisico regolare in ogni condizione atmosferica.

La Riproduzione
Come per tutte le Razze, il cucciolo di Lapinkoira è assolutamente stupendo: assomiglia ad un soffice orsacchiotto ed è molto facile innamorarsene perdutamente 
Oltre al rispetto dei requisiti per la Riproduzione Selezionata Enci e a quelli previsti dal Club Italiano Razze Nordiche è bene ricordare che il finlandese Lapphund è una razza a maturazione tardiva: pertanto nessun allevatore deve far accoppiare soggetti maschili o femminili prima del 18esimo mese di età 
In Italia la razza è ancora poco diffusa ma sono recentemente stati importati ottimi soggetti dalla Finlandia. 

AUTORI Diana Cardillo e Marco Cassini