HOKKAIDO

Download
standard hokkaido.pdf
Documento Adobe Acrobat 62.5 KB


La Hokkaido Ken è una delle sei razze spitz native del Giappone, una razza di medie dimensioni che ha avuto origine l'isola più settentrionale del Giappone.


Storia

Il popolo indigeno di questa regione era chiamato "Ainu" da qui il nome originario della razza, chiamata anche oggi "Ainu Ken".  

Il popolo Ainu chiamò il loro cane "seta" o "shita" e inizialmente lo utilizzarono per la caccia all'orso e al cervo. 

 

Successivamente divennero compagni di viaggio durante l'attraversata della regione Hokkaido spinti a nord con l'arrivo della popolazione Yayoi (Cinese) dalla penisola coreana (periodo Yayoi 300 a.C. al 250 d.C).

 

Nonostante l'arrivo dei cani portati dalla popolazione Yayoi, gli studi genetici hanno dimostratato che l'hokkaido ken ha avuto maggior influenza dai cani giapponesi originari chiamati Jomon (da qui l'originaria similitudine allo shiba inu vedi Shiba Jomon) e condividono DNA con il "Ryukyu Ken" cane presente nella prefettura di Okinawa molto a sud rispetto all'isola di Hokkaido.

Questi studi ipotizzano che in tempi remoti e per ragioni oscure, una popolazione  forse proveniente dalla Siberia, sia giunta tra il XII-XI millennio a.C. nell'Arcipelago Giapponese, passando per Sachalin e le Isole Curili.

 

Questo popolo era discendente dai cacciatori-raccoglitori che arrivarono in Giappone dal continente asiatico in un momento in cui le due regioni erano fisicamente collegate, ovvero fra i 20.000 ed i 12.000 anni fa, prima che l'avanzare del livello del mare, alla fine dell'ultima glaciazione, separasse l'arcipelago giapponese, spingendo le genti a diffondersi nelle isole nipponiche in un raggio a forma di "U" nella zona settentrionale del Giappone e nelle isole Ryukyu, nell'estremo sud, come le isole Okinawa.

 

Il popolo Ainu ha trasmesso verbalmente diverse storie e  leggende i cui protagonisti erano i propri cani. Nella leggenda sulla nascita del popolo Ainu, si narra che una principessa infreddolita e bagnata fu abbandonata  su una spiaggia desolata. Mentre piangeva sulla sua difficile situazione un cane bianco apparve e le portò cibo. Grazie a quel gesto la principessa sopravvisse, da quel giorno il cane viveva con lei. Un giorno la principessa diede alla luce un bambino che crebbe fino a diventare forte e potente, ritenuto essere il progenitore del popolo Ainu.  

 

L'Hokkaido Ken è stato classificato come Monumento Naturale Vivente dal governo del Giappone nel 1937. Ci sono due registri di razza principali, l'Hokkaido Ken Hozonkai (Hokkaido Dog Preservation Society) e Hokkaido Ken Kyokai (Hokkaido Dog Association). Quasi nessun Hokkaido sono registrati al di fuori di questi due club.

 

La razza è stata originariamente composta di più linee di sangue che prendono il nome villaggi Ainu in cui hanno avuto origine, con le linee più famoso è il Chitose, Biratori, Atsuma (Azuma), e Yuwamizawa. Oggi la linea Chitose è l'unica vera linea restante, il resto della razza risulta una miscela di tutte le linee originali. 

La linea Chitose è stata molto importante durante la selezione per il mantenimento di un bianco pulito, è caratterizzata da cani di piccole dimensioni con piccole orecchie e ampi fronti. 

In confronto la linea Atsuma aveva un grande numero di cani tigrati, con musi più affusolati.

L'Hokkaido è rinomato per la sua bravura e coraggio. Mentre molto pochi sono ancora utilizzati per cacciare l'orso, durante le esposizioni di razza in Giappone i cani vengono sottoposti a prove di lavoro: viene mostrato un orso vivo, il cane deve reagire e il giudice valuta movimento, reazione, e la guida alla caccia.

 

Morfologia

La razza Hokkaido Ken è considerata di medie dimensioni come Shikoku, Kai e Kishu, tipicamente morfologia lupoide,  negli standard JKC, FCI e HKH i maschi sono tra i 48,5-51,5 cm e le femmine tra i 45,5 -48,5 cm.

Caratterizzati da

- struttura e costruzione forte. 

- toraci ampi,

- orecchie triangolari e piccole. 

 

Come tutti i cani giapponesi, hanno un doppio cappotto di protezione suddiviso in grossolani peli di guardia esterna, e un sottopelo che getta stagionalmente. Il cappotto nell'insieme è più spesso rispetto alle altre razze giapponesi, poiché la regione dell'hokkaido è la più fredda dell'intero Giappone.

 

Colori:

- Bianco

- rosso

- Nero

- tigrato

- sesamo

 

Al momento gli esemplari tigrati e sesamo sono estremamente rari poiché la selezione ha prediletto il colore bianco, il rosso è presente ma non troppo acceso.

 

Hanno una speranza di vita di circa 15 anni. La razza è estremamente rara fuori dal suo paese natale. In Giappone vi è una popolazione stimata di circa 10.000-12.000, e le registrazioni annuali di tra 900-1000 (tutti i registri).

 

In Giappone negli ultimi anni l'Hokkaido Ken è diventato famoso per la pubblicità di una nota compagnia telefonica giapponese Softbank